Sabato Notte Fonda

C’era una volta Sabato Notte Fonda. Il giornale che le nonne aspettavano impazienti il venerdì per vedere i necrologi.

Oggi invece il Sabato Notte Fonda é a capo di una ignobile campagna diffamatoria nei confronti della città. Sappiamo tutti che a Imola non si sta male, l’Amministrazione funziona ed i cittadini sono soddifatti.
Invece Sabato Notte Fonda continua a gettare fango sul buon nome della città.
Scrive che a Imola ogni giorno si rischia la vita: magari ti svegli una mattina e ti hanno piazzato un manifesto davanti casa.
O peggio, vai a goderti un po’ di cultura a teatro e ti scoppiano in mano i Moti rivoluzionari.
Poi é pieno di cattivoni che ricorrono al TAR (che addirittura osa dargli ragione! ).
Per non parlare del giovedì che si rischia di dover lasciare a casa l’auto!

Insomma, una città invivibile! E allora, se gli fa proprio così schifo, perchè non se ne vanno?

[P.S.: il mio animo pavido mi impone di indicare che codesta composizione narrativa é ascrivibile alla categoria della satira ed in quanto tale tutelata dalla Costituzione. Mi corre l’obbligo di segnalare che ogni riferimento a fatti o persone realmente esistite é puramente casuale. 😉 ]

Send to Kindle
Condividi questa pagina: Twitter | StumbleUpon | Facebook | Delicious | digg | LinkedIn

12 thoughts on “Sabato Notte Fonda

  1. “Sabato Notte Fonda”… Hahaha!
    Comunque non mi toccare i necrologi che sono una delle mie passioni insane. Più sono sgrammaticati e maldestri e più mi fanno sbellicare dalle risa.

  2. Grande intuizione!!!
    Sabato Notte Fonda, un mito e una leggenda … Si, é vero, ricordo la funzione importantissima di questo settimanale … i miei Nonni commentavano in cucina: “oh, l’é mort Mingò, e fradel ed Bartò, l’era amig ed Frascò….”
    Bei tempi, c’era il rispetto per le Istituzioni, se il Sindaco diceva che c’era da fare una certa opera, tuttalpiù si scuoteva un po’ la testa, ma poi la conclusione inevitabile era: “Oh, u l’ a det e Sendec, l’é da fé!
    Altro che ricorsi al TAR, COME SI PERMETTONO, INGRATI MALEDETTI, sputano nel piatto dove mangiano!

    p.s. i miei nonni erano abbonati anche ad un altro noto settimanale imolese “Il Nuovo Diario Messanger” precursore in tempi non sospetti della Posta Elettronica Clericale, che veniva utilizzato anche a scopo di confronto, per verificare se uno era morto per davvero!

  3. Il settimanale da te indicato il “notta fonda”, riporta una bella notizia di una città americana che ha intitolato una strada ad Imola!!
    Per l’audodromo direte voi!
    No cari ragazzi!
    Per la cura e la gestione degli ospedali psichiatrici!
    Come se l’osservanza diventerà un condomio e allora?
    Ogni buon nonno ha un nipotino che porta avanti le tradizioni:
    Dopo via dell’anfiteatro Romano certamente faremo Viale dell’osservanza e che non si dica mai che vogliamo seppellirne la memoria!!
    e speriamo che Piazza matteotti diventi dell’ex monumento, ovviamente il tutto dopo l’ex giardino Tito, le rotonde del sindaco, di proni, dell’idiota ecc. e in testa a tutto Via della costituzione mancata!!!
    ai cartelli: Musei, Parchi, aggiungerei, provate verso Faenza forse trovate qualcosa!

  4. @ Piada: sulla rotonda di Proni ci siamo, ma quella del sindaco e quella dell’idiota dove stanno?

  5. La fantasia degli imolesi supera ogni difficoltà la rotonda del sindaco é quella di fronte ai terreni dei Pasolini dall’onda in Pedagna di fronte alla zona A, si chiama così perché una leggenda metropolitana vuole il sindaco capottato in una notte di eccessi alcolici, che ha chiamato lo stom di Castel del rio notte tempo a cancellare le tracce del misfatto vero o leggenda quella é la rotonda del sindaco.
    La rotonda dell’idiota é la più vecchia, é la prima rotonda di imola quella della piscina , si chiama dell’idiota perche é stata rifatta almeno 3 volte, in quanto erano stati sbagliate le curvature, in sostanza se la facevi altre i 20 all’ora era inevitabile sbattere contro il marcapiede il giudizio popolare ha sentenziato che chi l’aveva progettata era un idiota da li il nome.
    Ma esistono sicuramente altri soprannomi che la momento mi sfuggono, se li trovi, scrivili.
    Ciao

  6. Ho aperto il sito di “notte fonda” a spalla della testata é riportata la seguente frase di Bennato:

    Non mi interessa sentirmi intelligente guardando in tv dei cretini, preferirei sentirmi un cretino di fronte a persone intelligenti. (F.Battiato)

    E chi legge “notte fonda” si sente un cretino perché legge articoli intelligenti o si sente intelligente perché chi scrive é un cretino??

  7. @ Piada – Sapevo del sindaco ma non sapevo che il fatto fosse accaduto in quella rotonda. Di quella della piscina non sapevo la storia dell’idiota. Potremmo trovare un nome adeguato anche per la rotondina dell’ospedale vecchio e per quella all’angolo del parco delle montagnette, davanti al forno che sta aperto la sera? Perchè io tutte le volte che ci passo mi chiedo con vivo interesse quale intricato processo mentale abbia portato a partorirle (sai che alla rotonda del fornaio ho visto uno che pensava di doversela lasciare sulla sinistra e l’ha percorsa praticamente contromano?)
    Quanto al perchè si legga il NotteFonda, posso dirti perchè lo faccio io. Primo, perchè qualche notizia di quel che succede a Imola te la dà. Secondo, perchè certi articoli sono così ingenui che mi fanno troppo divertire. Terzo, perchè il Messenger secondo me é peggio. E quarto, perchè quando NotteFonda parte con le sue lezioni di morale e i suoi attacchi ai nemici della “gggente” (sempre pro-sinistra e sempre anti-Berlusconi che sembra peggio di Belzebù)… cosa vuoi che ti dica, io che non mi schiero nè a destra nè a sinistra riesco a trovarlo più che altro esilarante.

  8. Caro Imolese, credo che il tuo spirito sia anche il mio, anch’io leggo saltuariamente “Notte Fonda”, comunque faccio fatica a non ridere quando salgono in cattedra per insegnare al paese (italia!) cosa é morale o immorale cosa é giusto o ingiusto.
    La frase di Bennato é un esempio.
    Convengo che l’alternativa non é praticabile, Messanger non ha capito che potrebbe essere una valida alternativa, così finisce per farne la spalla triste.
    Sulle rotonde é bello non inventare i nomi ma cogliere i commenti della gente.
    Tenendo presente che i nostri concittadini, chiamano il nostro sindaco:
    Grappignoli, Frizzantino, Superciuk, ma alla fine della favola gli hanno dato oltre il 60 % dei voti.
    Quasi come coloro che imprecano contro il clero, ma la domenica si recano religiosamente in chiesa.
    Lo schierarsi a destra o a sinistra o al centro in questi casi non ha senso, perché siamo di “sinistra” perché é tradizione qui esserlo, ma non é un caso che ci chiamiamo Romagna (luogo fedele a Roma, quindi alla tradizione) conservatori dai tempi dei romani, la nostra giunta in lombardia sarebbe di centro destra e probabilmente si comporterebbe uguale.
    Non ci resta che l’ironia!

  9. Aggiungiamo un po’ di pepe: da qualche tempo nel ‘panino’ con La Stampa non c’é più il Corriere Romagna ma Il Domani di Bologna. Domanda: la redazione di quale noto settimanale imolese cura le pagine di Imola del Domani?

  10. Sapete che quel mitico “Imola Città d’Arte”, datato se non ricordo male fine 2003, ritorna più che mai di attualità ??? chiederei al nostro MSanti gentilmente di renderlo visibile / scaricabile da queste pagine che stanno raggiungendo livelli di affollamento rilevantissimi! andrebbe aggiornato, lo so , ma … il tempo é quello che é, e le cose da documentare sarebbero migliaia!
    ah, quello io lo chiamo Marchignaus !

  11. Ehm… già che ci siamo, a che livello di probabilità collocate la perdita dell’Heineken a favore di Mestre? Alto, medio, basso? Dobbiamo aspettarci presto un altro manifesto satirico sul Marchi e un’altra levata di scudi a sua difesa dal NotteFonda che si indigna per quei poveri genitori a cui hanno piazzato il manifesto davanti a casa?
    (Io adoooooro queste piccole-grandi cose di provincia: ti prendono in giro con un cartellone appena appena umoristico, e tutta la tua combriccola giù a difenderti come se avessero detto di te che vai in giro a mangiarti bambini… ah, che meraviglia, in una grande città queste cose passerebbero sotto silenzio :-)))))

    @ msanti – Non lo so, quale redazione lo cura? Mai letto il Domani di Bologna. Non vorrai per caso dire che sono sempre quelli del NotteFonda????

  12. @Imolese: riguardo al Domani, a pensar male…
    Quanto all’Heineken, se lo perdiamo avremo manifesti decisamente alcoolici…

Comments are closed.